• Immobilsistem Real Estate

Compravendite in crescita: Milano e Roma da record

La crisi c’è, ma forse fa un po’ paura. Almeno a giudicare dai numeri del mercato residenziale nelle due capitali d’Italia, Roma e Milano. I dati del Market Report realizzato dalla società immobiliare Engel & Volkers – in collaborazione con Nomisma – segnano una crescita nel primo semestre di quest’anno ad un livello che non si vedeva da tempo, superando ogni più rosea aspettativa.



Se il 2021 è stato l’anno del rilancio del comparto residenziale dopo il brusco stop dovuto alla pandemia da Covid-19, il 2022 doveva mostrare una stabilizzazione del mercato, con una prospettiva di crescita continua. Così è stato e oggi le due metropoli del nostro Paese possono brindare alla ripartenza delle compravendite, guardando al futuro in maniera decisamente più ottimistica.


Mercato immobiliare: Milano e Roma tra le migliori. I numeri

Festeggia Milano, dunque, che registra un consistente incremento nel volume delle compravendite, confermando il trend già in crescita nel 2021. Nonostante gli ottimi numeri dello scorso anno, il risultato del 2022 è ancora più sorprendente, con un +17,5% rispetto a dodici mesi fa. Il miglior dato dal 2000.


Anche a Roma il mercato residenziale non andava così bene da parecchio tempo, precisamente dal 2007. L’incremento del 9% su base annua è in linea con il dato nazionale, un segnale di come il potere di acquisto delle famiglie che vogliono investire in una casa nuova vada bene aldilà dei conti pubblici statali sempre più in bilico e delle crescenti preoccupazioni a causa della crisi economica e dell’emergenza energetica.


Fiducia delle famiglie in crescita: chi compra di più casa in questo periodo?

Lo studio mostra una vitalità in parte inaspettata del sistema immobiliare italiano considerato nel suo complesso. In totale, negli ultimi sei mesi del 2021 sono state portate a termine oltre 748mila compravendite residenziali e la crescita viene confermata anche nell’anno nuovo con un +10,1%.


Ma il bilancio è destinato a migliorare ulteriormente, se si pensa che a livello nazionale oltre 3,5 milioni di famiglie hanno dichiarato di essere interessante all’acquisto di un’abitazione nei prossimi sei mesi.

0 commenti