• Immobilsistem Real Estate

Tutte le novità dei bonus edilizi

Il 18 febbraio scorso, il Consiglio dei Ministri, ha stabilito le nuove regole sulla cessione dei crediti per regolamentare i bonus edilizi, tra i quali il Superbonus 110%. Sarebbe un ulteriore passo per fermare le truffe a danno del settore edilizio sano, in particolare nel campo delle agevolazioni fiscali per i lavori di efficientamento energetico in casa.



A monte di questi ultimi provvedimenti c’è la stretta stabilita con il Decreto Legge Sostegni ter, attraverso il quale l’esecutivo politico aveva limitato le cessioni dei crediti derivanti da sconto in fattura o cessione a un solo movimento, per evitare il pericolo di frodi sui lavori edilizi.


Il Sostegni ter, tuttavia, aveva bloccato un settore così vitale per l’economia come quello delle costruzioni, a causa dello stop alle acquisizioni dei crediti deciso da parte delle piccole banche, delle Poste e di Cassa Depositi e Prestiti.


Con queste nuove regole contenute nel decreto “Misure urgenti per il contrasto alle frodi in materia edilizia”, il tavolo dei ministri ha inteso dare un segnale di apertura, concedendo le cessioni fino a un massimo di tre volte, prevedendo altresì limiti e sanzioni più dure (anche reclusione) per chi truffasse lo Stato.


Tutti provvedimenti sono stati adottati per contrastare i cosiddetti “truffatori del Superbonus”, con multe più salate e carcere per i tecnici abilitati che, nelle documentazioni necessarie per ottenere i bonus edilizi, espongono informazioni false.


Perciò, è importante sapere che:

  • Entro il 7 marzo 2022 si potranno inviare le comunicazioni per le opzioni per interventi di superamento e di eliminazione delle barriere architettoniche. Dal giorno seguente (8 marzo), anche per questa tipologia di lavori la cessione sarà possibile una sola volta;

  • Dal 10 marzo 2022, gli acquirenti di crediti la cui opzione è stata esercitata entro il 28 febbraio (e anche entro il periodo transitorio) possono accettare il trasferimento. Se si tratta di credito ceduto nel periodo transitorio, il cessionario potrà cedere una sola volta il credito;

  • Il 7 aprile 2022 scadono i termini di tempo per inviare le comunicazioni per l’esercizio delle opzioni di cessione (o sconto in fattura) relativo a spese sostenute nel 2020 e 2021. Il termine ordinario per l’invio e per la trasmissione delle comunicazioni è fissato al 16 marzo.


0 commenti

Post correlati

Mostra tutti