• Immobilsistem Real Estate

Muri portanti: ecco come riconoscerli

All’interno di un edificio, i muri portanti (o maestri) rappresentano degli elementi strutturali essenziali che, oltre a reggere l’intero peso, trasferiscono i carichi sulle fondamenta. In caso di scosse sismiche, essendo molto più stabili rispetto alle normali pareti divisorie, resistono meglio ai danni e agli sgretolamenti. I muri portanti possono essere individuati sulla planimetria catastale oppure con qualche “trucco”. Ecco tutti i dettagli.



I muri portanti: caratteristiche e funzioni

Prima di iniziare qualsiasi tipo di ristrutturazione, la prima cosa da fare è quella di individuare i muri portanti della struttura, così da non commettere errori che potrebbero portare a situazioni irreversibili. Rivestono, infatti, un ruolo di fondamentale importanza perché hanno il compito di portare e di sorreggere il peso del fabbricato e tutti i carichi verticali, impedendo all’edificio di crollare. Per la costruzione dei muri maestri vengono impiegati dei materiali solidi e resistenti, tra i quali, la muratura di pietra o di laterizio oppure il cemento armato. Per performare ottimamente, lo spessore è considerevole e viene realizzato in relazione al peso della struttura da sostenere.


Come si riconoscono i muri portanti sulla planimetria catastale?

I muri portanti sono facilmente individuabili sulla planimetria catastale, in quanto sono disegnati con un tratto più marcato e spesso rispetto a quello utilizzato per le altre pareti. Per reperire la planimetria di un immobile è possibile rivolgersi direttamente al catasto oppure al progettista.


Come riconoscere i muri portanti?

Prima di effettuare qualsiasi tipo di intervento o di ristrutturazione è necessario riconoscere i muri portanti, così da evitare cedimento strutturali. Per individuarli sarebbe sempre bene affidarsi a un professionista strutturista, soprattutto se si intende realizzare un open space o se si tratta di un lavoro importante.


Ecco qualche suggerimento per riconoscere i muri portanti:

  • se bussando sulla parete si percepisce un suono sordo, allora si tratta di un muro portante;

  • misurare lo spessore dei muri, considerando che i maestri sono più spessi rispetto ai muri divisori interni (i tramezzi);

  • se ci sono delle travi sul soffitto sono sempre posizionate sui muri portanti;

  • all’interno di un edificio che si sviluppa su più piani, i muri portanti non si interrompono.

0 commenti

Post correlati

Mostra tutti